• Congiuntivite allergica
  • Edema corneale
  • Glaucoma
  • Occhio secco
  • Blefarite

    Che cos’è

    La parola blefarite (blefarite cronica, blefarite allergica) deriva dal greco “blefaros” che vuol dire “palpebra”: il termine indica che si tratta di una condizione infiammatoria a carico di questa struttura destinata alla protezione dell’occhio. In particolare l’infiammazione riguarda il bordo palpebrale, cioè quella zona di transizione tra lo strato cutaneo (esterno a contatto con l’ambiente) e lo strato congiuntivale (interno rivolto verso la superficie oculare) della palpebra. Il bordo palpebrale è caratterizzato da ciglia, che contribuiscono alla funzione protettiva, e da ghiandole, tra cui quelle di Meibomio preposte alla produzione del meibomium, un sebo speciale che entra nella composizione del film lacrimale che riveste lubrifica e da nutrimento alla cornea. Quindi ogni disturbo delle palpebre si ripercuote inevitabilmente sulla salute dell’occhio. I sintomi classici di una blefarite in forma lieve-moderata sono bruciore, sensazione di calore sul bordo palpebrale e prurito più o meno intenso che porta a strofinare il bordo palpebrale con le mani. A questa sintomatologia, nelle blefariti gravi si ha anche gonfiore palpebrale, dolore localizzato aggravato dall’ammiccamento (che diventa irregolare) e intolleranza alla luce (fotofobia). Sul bordo palpebrale possono essere presenti piccole squame bianche simili a forfora, piccole croste (cispe) e, nelle forme più gravi, si può arrivare alla formazione di vere e proprie ulcere. La blefarite può essere provocata da un’alterata secrezione delle ghiandole palpebrali di meibomio, da vizi refrattivi non corretti, in particolare ipermetropia e astigmatismo, malattie della pelle, come l’eczema seborroico, alterazioni alimentari come avitaminosi e dispepsie, patologie come il diabete o l’accumulo eccessivo di grassi nel sangue, da fattori allergici e ambientali (polveri, fumo) oppure da una infezione batterica. I batteri responsabili di blefariti sono principalmente gli stafilococchi e gli streptococchi che possono determinare la patologia o costitire una complicanza della forma allergica. Inoltre la blefarite può essere associata a una congiuntivite e manifestarsi quindi come blefarocongiuntivite caratterizzata da un’infiammazione sia della congiuntiva, sia del bordo palpebrale oppure interessare anche la cornea e quindi essere associata ad una cheratocongiuntivite.

    Diagnosi

    La diagnosi si basa sulla valutazione della presenza di segni e sintomi palpebrali tipici della patologia e sull’esame obiettivo, che viene eseguito dall’oculista mediante la lampada a fessura.

    Trattamento

    Il trattamento della patologia prevede l’istillazione di colliri antibiotici ed antinfiammatori. Nel caso di una blefarite infettiva, è bene ricordare di non usare lenti a contatto per evitare contaminazioni e alle donne di evitare l’utilizzo di cosmetici per gli occhi durante la terapia. Le blefariti possono presentare una evoluzione subacuta o cronica, con resistenza ai trattamenti terapeutici e spiccata tendenza alle recidive. Pertanto, considerata tale tendenza e la notevole difficoltà di guarigione, per prevenire la blefarite è necessario seguire generali norme igienico-comportamentali. Si raccomanda quindi di lavarsi sempre accuratamente le mani, specialmente prima di toccare gli occhi (abitudine, quest’ultima, che dovrebbe essere evitata il più possibile), di seguire una corretta alimentazione ricca di frutta, verdura fresca e proteine magre, come quelle del pollo e del pesce, utili per la salute degli occhi, limitare gli zuccheri e le bevande contenenti caffeina, che contribuiscono a irritare gli occhi e peggiorano i sintomi provocati dalla blefarite. Inoltre per mantenere un ottimale stato di salute delle palpebre la America Academy of Ophthalmology (AAO) raccomanda una corretta igiene delle palpebre tramite uso di una garza medicata in caso di blefarite anteriore e impacchi caldi sempre con garza medicata in caso di blefatite posteriore e Meibomite.

    Richiedi informazioni

    Compila il modulo sottostante, ti ricontatteremo al più presto


    I accept the privacy terms and conditions
  • Traumi oculari
  • Miodesopsie

Richiedi informazioni

Compila il modulo sottostante,
ti ricontatteremo al più presto


Accetto le condizioni di privacy